Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Vengono tuttavia utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei "social plugin". Continuando a navigare accetti l'utilizzo dei cookie su questo sito. Maggiori info OK accetto
  1. Il Committente diretto digita in 30 secondi la sua offerta di carico.
  2. L'offerta è inviata ai soli Trasportatori utili, che magari sono in zona, e che la quotano.
  3. Il Committente sceglie la
    migliore quotazione
    con un click.
  4. Committenti e Trasportatori
    esprimono il loro feedback
    sul servizio ricevuto.
Perchè un circuito ?
Le merci devono essere trasportate con sicurezza e il trasporto deve essere pagato.

Diamo accesso al circuito solo a Fornitori e Clienti selezionati per qualità e correttezza.
L'Italia liquida San Marino 4-0 e per Prandelli è già tempo di scelte
 
 
31/05/2013
 

Quasi una partitella di allenamento, come ampiamente previsto. La partita degli azzurri contro San Marino si è giocata a una porta sola. Un tiro al bersaglio che ha prodotto 4 gol, una traversa e un paolo entrambi colpiti da Balotelli, senza contare il resto, altre tre reti annullate dal direttore di gara per fuorigioco. Giusto per amor di cronaca e di statistica sono andati a segno in quattro: prima Poli, poi Gilardino a fare da apripista al gol da antologia di Pirlo su calcio di punizione e infine Aquilani che già aveva impegnato il portiere del San Marino in occasione dell'azione del gol di Gilardino. Insomma, si sono divertiti un po' tutti tranne Balotelli, impiegato da Prandelli solo nella ripresa che ha perso la sua sfida con i legni, ma poco importa, lui si diverte di più quando c'è una buona posta in palio. E per fare sul serio bisogna attendere qualche giorno. Venerdì sarà il giorno della verità. A Praga gli azzurri incontrano la Repubblica Ceca nella gara di qualificazione mondiale che in caso di vittoria garantirebbe all'Italia il biglietto per Brasile 2014.

Più che sul piano tecnico e tattico, a Prandelli interessava prendere atto della condizione fisica del gruppo a pochi giorni dall'impegno decisivo contro i cechi ma soprattutto in prospettiva Confederations Cup visto che la rosa deve ancora essere sfoltita da 30 a 23 (Osvaldo si è fatto fuori da solo dopo la lite pubblica con Andreazzoli e la mancata partecipazione alla cerimonia di premiazione dopo la finale di Coppa Italia persa dalla Roma con la Lazio). La lista andrà compilata e consegnata alla Fifa entro metà settimana. I 23 che rimarranno a Coverciano si giocheranno la qualificazione mondiale e poi saliranno sull'aereo per Rio dove debutteranno il 16 contro il Messico in quella che viene ormai considerata una prova generale del Mondiale che verrà. Non ci sono comunque grandi nodi da sciogliere salvo sorprese dell'ultimo minuto. L'asse portante sarà sempre quello bianconero con Buffon, Chiellini, Bonucci, Barzagli, Pirlo, Marchisio, Giaccherini e Giovinco. Intorno allo zoccolo duro juventino il ct costruisce il suo 4-3-3 con due certezze rossonere davanti, Balotelli, El Shaarawi più un'alternativa rappresentata da Gilardino o da quella che potrebbe essere la vera sorpresa nel caso Sau del Cagliari dovesse essere tra i prescelti. Un altro rossonero reduce da una brillante stagione è il giovane De Sciglio che sarà in ballottaggio con il suo compagno Abate come esterno difensivo proprio come accaduto nel corso del campionato appena concluso. Proprio come per il centrocampo a tre, a completare la linea formata da Pirlo e Marchisio sarà Montolivo che oltre alle indiscusse qualità tecniche e umane ha finalmente trovato anche la continuità che gli ha permesso di fare il salto di qualità.
Il primo passo per la Nazionale "definitiva" sarà proprio quello di chiudere con largo anticipo la pratica qualificazione per poter affrontare con maggior serenità e concentrazione il difficile test della Confederations Cup che vedrà gli azzurri confrontarsi in un ostico girone contro Brasile, Messico e Giappone mentre dall'altra parte del tabellone si sfidano Spagna, Uruguay, Nigeria e Thaiti. Una manifestazione che gli scaramantici consigliano di onorare ma non di vincere. Questione di punti di vista.

 
  1. Il Committente diretto digita in 30 secondi la sua offerta di carico.
  2. L'offerta è inviata ai soli Trasportatori utili, che magari sono in zona, e che la quotano.
  3. Il Committente sceglie la
    migliore quotazione
    con un click.
  4. Committenti e Trasportatori
    esprimono il loro feedback
    sul servizio ricevuto.
Perchè un circuito ?
Le merci devono essere trasportate con sicurezza e il trasporto deve essere pagato.

Diamo accesso al circuito solo a Fornitori e Clienti selezionati per qualità e correttezza.
Le News di